Una madre e una figlia in una periferia dell’anima . Una figlia trascurata, una madre bambina. Manuela e Carmen. Solitudine e amore senza confine. Madre e figlia senza baci fino alla fine, quando poco prima di andarsene tutti i baci tornano violenti alla memoria.

I baci mai dati romanzo di Roberta Torre.

Viaggio intimo e disperato attraverso il corpo e l’anima di due donne, madre e figlia, sorelle, schiave, regine, amanti, carnefici , vittime. Un progetto dove il corpo racconta l’intimità tra due donne.

” A Librino, dopo aver girato il film è successo che da uno degli alberi del vialone è uscita acqua colorata e in tanti hanno cominciato a spalmarsela su ferite e bruciature. E a credere che qui ci siano veri miracoli. Infatti io non ho visto Librino come una periferia degradata, assolutamente, ma come un luogo di speranza nel quale poteva avvenire un miracolo, un luogo del sacro di cui mi sembra ci sia bisogno”

Roberta Torre